Home / Dolci e Dessert / Gelo d’anguria
20 luglio, 2016

Gelo d’anguria

Posted in : Dolci e Dessert, Gluten Free on by : Kitchen56

Il gelo d’anguria è un dolce tipico della tradizione siciliana! Un dolce povero , ma che racconta i profumi e i sapori di un tempo! Delle campagne , inondate dal profumo di gelsomino e dalle cucine delle  nonne che ci inebriavano con il sapore della cannella e della vaniglia! Veniva servito su piatti e posate d’argento con tovagliette di pizzo!!! La magia dell’ ‘ 800 e i primi del  ‘900 ! Io ho provato a far rivivere questa infinita bellezza , realizzando questo dolce !!!

image

Difficoltà: facile

Tempi di preparazione: 20 min oltre il tempo di raffreddamento

  • Ingredienti x 2 ciotole di diametro 10
  • 600 gr d’anguria ( matura) senza buccia ( la parte verde e bianca)
  • 60 gr zucchero semolato
  • 40 gr di maizena ( amido di mais)
  • 1/2 stecco di vaniglia
  • per la decorazione : cioccolato fondente e torroncini tritati q.b.

image

  • Esecuzione :
  • eliminare le parti dure dell’anguria e i loro semi
  • tagliare a pezzetti la parte rossa e passarla a setaccio con un passa verdura
  • filtrare il succo ottenuto

image

  • aiutandosi con una frusta a mano , sciogliere dentro lo zucchero e la maizena
  • sempre , rimestando
  • mettere sul fuoco aggiungendo 1/2 stecca di vaniglia
  • a bollore , togliere immediatamente dal fuoco ( deve avere la consistenza di una crema)
  • si rapprenderà subito per la presenza dell’amido
  • trasferire il composto nelle ciotole e fare raffreddare

image

  • mettere in frigo per diverse ore
  • servire ben freddo con le stesse ciotole o sformarlo capovolgendo lo stesso

image

  • guarnire con cioccolato e torroncini tritati ( o mandorle)

image

Consiglio di mykitchen56 :

le varianti del gelo d’anguria sono molteplici ! Nella realizzazione del dolce, potete aggiungere anche una stecca di cannella o delle gocce di cioccolato appena si raffredda un pò! Dell’infuso di fiori di gelsomino o canditi di limone!! Il gelo ( a piacere) nella guarnizione finale , si puó arricchire anche con pistacchi tritati!

image

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *