Home / Secondi di Pesce / Sarde a beccafico
29 giugno, 2018

Sarde a beccafico

Posted in : Secondi di Pesce on by : Kitchen56

Le sarde a beccafico sono un piatto tipico della cucina siciliana! Si consumano spesso in estate per l’abbondanza di questo pesce azzurro. Il  nome beccafico attribuito a questo pesce proviene da un’antica diceria siciliana: si racconta che in tempi remoti  i signorotti imbandivamo le loro tavole con pietanze di uccelletti chiamati beccafico. Il popolani non potendo permettersi questa nobile pietanza, emulavano questo piatto con le sarde imbottite. Un piatto tramandato da generazioni fino ai nostri giorni con la consapevolezza di consumare il pesce azzurro in tutta la sua unica bontà!

Difficoltà:media

Tempi di preparazione: 20 minuti

  • Ingredienti x 10 sarde a beccafico :
  • 20 sarde aperte con la pinna  ( pesce azzurro) spinate e prive della testa e delle interiora )
  • Per la panatura:
  • 100 ml aceto bianco
  • 2 uova sbattute ( con la forchetta)
  • 300 gr pangrattato ( pane di semola raffermo e grattugiato )
  • sale q.b.
  • Per il condimento interno ( tra 2 sarde ):
  • 300 gr pangrattato
  • 2 uova
  • prezzemolo tritato q.b.
  • 1 spicchio d’aglio tritato finemente
  • 80 gr formaggio pepato siciliano stagionato grattugiato
  • 1 cucchiaio di capperi ( dissalati e tagliati finemente al coltello )
  • 2 cucchiai di passata  rustica di pomodoro
  • 1/2 cucchiaio di pinoli
  • sale q.b.
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • Per friggere:
  • olio di semi q.b.
  • Esecuzione del condimento interno del pesce:
  • impastare ( aiutandosi con una forchetta) Il pangrattato con le uova ( leggermente sbattute )
  • continuare aggiungendo il prezzemolo, l’aglio, i capperi, i pinoli, il pepato grattugiato , infine la passata rustica e un filo d’olio evo
  • aggiustare di sale
  • formare un impasto morbido e non appiccicoso
  • Esecuzione delle beccafico:
  • passare ogni singola sarda nell’ aceto bianco
  • imbottire 2 sarde con 1 cucchiaio di impasto ( formando 1 beccafico )
  • passarla dell’uovo sbattuto e poi nel pangrattato aggiustato di sale
  • friggere in abbondante olio di semi
  • lasciare asciugare la frittura su carta assorbente x alimenti

Consiglio di Mykitchen56:

non lavare con acqua le sarde aperte, perderebbero il loro sapore! Non marinare il pesce con l’aceto bianco, ma passarlo velocemente su quest’ultimo! Per spinarli fatevi aiutare dal vostro pescivendolo di fiducia! Potete  omettere la passata rustica, io la preferisco perché l’impasto risulta più morbido e gustoso! Le beccafico si consumano calde!

Buon appetito dalla vostra Grazia!

Kisses !!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *